Laica, mondana, aristocratica, mai più atmosfere cupe e angosciose, ancora caravaggesche, ma colori vivaci, scene chiare di gioiosa allegria e vitalità. La pittura rococò, aperta ai nuovi strati sociali e ai nuovi committenti, non vuole raccontare storie ma comunicare emozioni e sensazioni, certo quelle della dolce vita degli aristocratici, feste, balletti, concerti, spettacoli, pranzi all'aperto, battute di caccia, momenti di corteggiamento. I rosa e i celesti sono dovunque per cogliere l'attimo fuggente, la sensazione e l'emozione di un luogo e di uno spazio, di un chiaro di luna o di un accogliente boschetto, di una piacevole conversazione. Queste novità vengono dalla Francia, dagli inizi del Settecento il nuovo baricentro dell'arte europea, e il pittore che inaugura il genere è infatti Antoine Watteau, seguito da François Boucher e Jean-Honoré Fragonard. Il primo è senz'altro il più geniale e innovativo, l'Imbarco per Citera, la sua opera più celebre, ha un valore epocale dove il genere delle feste galanti, in un'atmosfera di inaspettata malinconia, ripropone attori e maschere della commedia dell'arte italiana. Il secondo è il più famoso di una produzione diventata libera fino ai limiti dell'erotismo più esplicito; l'ultimo chiude il rococò quando già si va diffondendo il gusto neoclassico - i ritratti di Maria Antonietta di Élisabeth Vigée Le Brun ne sono l'epilogo.

Dipinti Polito watteau rococòDipinti Polito Susanna e i vecchioni GoltziusDipinti Polito watteau rococò

polito rococò

Book di 96 pagine a colori formato cm 20x20.

Leggi Rubens Dipinti Sbarco Maria Medici a Marsiglia
 polito rococò

Piastrelle in porcellana bianca cm 20x20x0.8 e cm 20x15x0.8.

Leggi Rubens Dipinti Sbarco Maria Medici a Marsiglia

Stampa su tela cm 38x38 e cm 38x29

Tecnologia di stampa
Stampante laser che utilizza toner ceramico nella quadricromia (nero, ciano, rosso, giallo) a base minerale. Dopo l'elaborazione grafica in formato digitale la stampa è impressa su lastre trattate che diventano decalchi applicati a mano. La cottura, a circa 890°c., permette al decalco di penetrare nello smalto e vetrificarsi, assicurando la durata dei colori, anche con esposizione all'esterno.

 

La realizzazione del sito è dell'arch. Anna Sorano